MASTOPLASTICA RIDUTTIVA

Mastoplastica riduttiva

Foto prima dopo Costi intervento Contatta chirurgo Prenota VISITA GRATUITA
Mastoplastica riduttiva

Introduzione

L'intervento di mastoplastica riduttiva è richiesto sia per motivi estetici che per motivi di salute. Ci sono soggetti che sin dall'età dello sviluppo presentano taglie tali di reggiseno da avere problemi non solo nel vestire e nell'esibirsi ( problemi estetici ) ma anche nella postura o comunque nella pratica comune delle attività sportive. Mammelle di grandi dimensioni e per forza di cose ptosiche, adagiandosi col loro peso sui piani sottostanti, possono causare infiammazioni cutanee e vere e proprie ulcerazioni.

Quando le problematiche di una ipertrofia mammaria, che oltre un certo limite è detta gigantomastia, superano una certa soglia, l'intervento di mastoplastica riduttiva può essere a carico del SSN ( Sistema Sanitario Nazionale ). Nella Regione Lombardia il limite oltre il quale la mutua “passa” l'intervento di mastoplastica riduttiva è di 1500 grammi di tessuto da rimuovere per mammella.

Nota Importante
Se avete voglia di entrare subito nel merito delle cose più pratiche che vi interessano, visitate senza indugio la galleria fotografica della mastoplastica riduttiva. Potrete valutare comparativamente casi da me già operati e simili al vostro e immaginarvi come potrebbe essere il vostro nuovo aspetto col vostro nuovo seno dopo l'intervento di mastoplastica riduttiva
ENTRA IN GALLERIA

Mastoplastica riduttiva - obbiettivi

Il traguardo agognato dalle pazienti afflitte da mammelle di grandi dimensioni e che si vogliono sottoporre a mastoplastica riduttiva è quello di sentirsi finalmente più leggere, più libere di poter esercitare il proprio sport preferito, senza più sentirsi limitate e di vestire abiti alla moda senza sentirsi escluse.

Sembrerà strano ma per questo tipo di pazienti aspiranti alla mastoplastica riduttiva è più importante la qualità della vita “senza peso” ( delle mammelle evidentemente ) che la qualità estetica delle mammelle. Per questo motivo anche cicatrici di grandi dimensioni, come esito della mastoplastica riduttiva, sono accettate da queste pazienti meglio rispetto ad altre pazienti che si sottopongono ad altri tipi di procedure di mastoplastica.

Mastoplastica riduttiva – tecniche chirurgiche

Le tecniche di mastoplastica riduttiva studiate per rimodellare le mammelle di grandi dimensioni dopo l'asportazione selettiva del tessuto ghiandolare e adiposo in eccesso, sono sovrapponibili, in termini di accessi chirurgici e quindi di cicatrici residue, alle tecniche di mastopessi.

Poco giova al visitatore di questa pagina sapere che ci sono tecniche di mastoplastica riduttiva che prevedono l'asportazione del tessuto necessario alla riduzione di volume richiesta, principalmente a livello dei poli inferiori, rispetto alle tecniche che preferiscono asportare il volume da ridurre a livello dei poli superiori, per motivazioni che rientrano nell'ambito di disquisizioni strettamente tecniche e che a seconda dei casi determinano risultati differenti. Questo accenno serve solo a far comprendere come all'aspetto esterno, al risultato cioè di un intervento di mastoplastica riduttiva corrispondono, nei piani sottostanti, molte variabili tecniche la cui analisi e la cui scelta deve essere fatta dal chirurgo, mentre il paziente ha poche possibilità di afferrarne il significato.

é giusto che dica, dopo queste osservazioni, che l'intervento di mastoplastica riduttiva è tra gli interventi più complessi della chirurgia estetica, specie quando la riduzione di volume sia notevole.

Le cicatrici residue all'intervento di mastoplastica riduttiva sono tra le più estese in chirurgia estetica assieme forse all'addominoplastica.

Anche dal punto di vista della qualità, le cicatrici della mastoplastica riduttiva sono le meno favorite, dovendo sopportare il peso di una grande trasformazione.

Mastoplastica riduttiva - preparazione all'intervento

Molto importante nella programmazione dell'intervento di mastoplastica riduttiva sarà la valutazione di quanto ridurre le mammelle.

Abitualmente le pazienti che da tempo sono state costrette a sopportare il peso di mammelle di grandi dimensioni, vorrebbero che le loro “masse” mammarie venissero letteralmente amputate con la mastoplastica riduttiva. è giusto far ragionare le pazienti sul fatto che maggiori sono i volumi da asportare, maggiori sono le complicazioni possibili e più discutibile potrebbe essere il risultato estetico.

Tra gli esami da richiedere in preparazione di un intervento di mastoplastica riduttiva c'è senz'altro la mammografia, oltre ai comuni esami ematochimici, all'elettrocardiogramma ed eventualmente all'RX del torace.

Molta attenzione dovrà essere rivolta alle pazienti in sovrappeso. Sarà consigliabile che queste perdano peso prima dell'intervento di mastoplastica riduttiva affinché i benefici del risultato non vengano compromessi a seguito di un dimagrimento successivo all'intervento di riduzione del seno.

Nell'ambito della valutazione dei disturbi endocrini in caso di diabete, bisogna accertarsi che questa affezione sia compensata e soprattutto prevedere una adeguata profilassi antibiotica data la maggior facilità con cui un soggetto diabetico è a rischio di infezione. Al soggetto diabetico andrà spiegato come la guarigione delle ferite chirurgiche, esito di una mastoplastica riduttiva, potrà subire degli incidenti di percorso e tardare a concludersi.

Mastoplastica riduttiva - anestesia e ricovero

L'intervento di mastoplastica riduttiva va eseguito sempre in anestesia generale e va sempre previsto il ricovero anche della notte dopo l'intervento. Se il soggetto è in notevole sovrappeso ( dopo opportuna valutazione dell'indice di massa corporea ) e non ha intenzione di perdere peso, dovrà essere attentamente valutata l'indicazione all'intervento di mastoplastica riduttiva e in ultimo dovrà essere prevista una possibile permanenza post operatoria in terapia intensiva.

Mastoplastica riduttiva - post operatorio

Dopo un tempo adeguato di osservazione negli spazi dedicati vicino alla sala operatoria, la paziente operata di mastoplastica riduttiva verrà condotta nella stanza di ricovero. Sarà protetta per il dolore da sostanze antidolorifiche e sarà costretta da una medicazione chirurgica avvolgente le mammelle e il torace. Dai lati della medicazione usciranno dei tubicini di drenaggio per l'evacuazione del sangue. La medicazione chirurgica verrà rinnovata il giorno dopo la mastoplastica riduttiva per controllare lo stato delle ferite e la vitalità dei tessuti. I drenaggi verranno lasciati in sede ancora qualche giorno, nonostante la possibilità di dimissione della paziente. Il primo controllo ambulatoriale, a seconda dei casi, avverrà dopo 3-4 giorni dopo l'intervento di mastoplastica riduttiva. In tale occasione, se al controllo delle ferite chirurgiche tutto risulterà regolare, la medicazione chirurgica verrà sostituita con una medicazione più leggera che verrà mantenuta in sede senza cerotti ma con un reggiseno contenitivo di tessuto elasticizzato.

Mastoplastica riduttiva - tempi di recupero dopo l'intervento

L'intervento di mastoplastica riduttiva, specie se eseguito su mammelle di grandi dimensioni, è piuttosto pesante per la paziente. é giusto che la paziente operata di mastoplastica riduttiva sia informata che i tempi di recupero potrebbero prevedere la necessità di un supporto per le normali mansioni domestiche per almeno una decina di giorni.

I tempi di recupero di una mastoplastica riduttiva dipendono molto anche dai tempi di guarigione delle ferite che generalmente sono estese e tardano a guarire completamente, lasciando croste e crosticine per deiscenza ( riapertura spontanea della ferita ) di qualche punto di sutura qua e là, il che comporta un numero maggiore di medicazioni e quindi di appuntamenti ambulatoriali.

Salvo eventi complicativi quali deiscenza delle suture o necrosi di aree cutanee, una quindicina di giorni dopo l'intervento di mastoplastica riduttiva dovrebbero essere sufficienti per consentire alla paziente di vestirsi senza garze di medicazione. Per riprendere le attività sportive e sempre con l'aiuto di un reggiseno contenitivo ci vorrà almeno un mese.

Mastoplastica riduttiva cicatrici

Le cicatrici della mastoplastica riduttiva sono tre: periareolari (zona perimetrale dell'areola), dall'areola al solco sottomammario e a livello del solco sottomammario, così da formare la nota T ( ti ) rovesciata.

In un primo tempo sono vistose, rosse e irregolari specie se frutto di guarigione ritardata. Successivamente, come tutte le cicatrici, tendono a sbiancarsi e ad apparire meno evidenti.

L'evoluzione delle cicatrici della mastoplastica riduttiva si sviluppa nell'arco di almeno un anno. Questo dato è importante perché entro tale arco di tempo è possibile condizionare dal punto di vista del risultato estetico definitivo il processo di cicatrizzazione. La prevenzione della cicatrizzazione patologica ( cicatrici ipertrofiche e cheloidee ) prevede l'utilizzo locale di sostanze farmacologicamente attive ( antifibroplasici ) sia per contatto ( pomate ) che per infiltrazione, e l'applicazione di presidi elastocompressivi.

Mastoplastica riduttiva – rischi complicazioni e risultati insoddisfacenti

I rischi maggiori nell'ambito della mastoplastica riduttiva sono rappresentati da necrosi cutanee ( morte del tessuto cutaneo ) nelle aree limitrofe alle incisioni chirurgiche specie ove le incisioni e quindi le suture verticali vanno ad incrociarsi con le suture orizzontali a livello dei solchi inframammari. Ciò comporterà un ritardo di guarigione, un maggior numero di medicazioni ambulatoriali e talvolta la recentazione [Recentare deriva da recidere e sta a significare la revisione chirurgica dei margini, che in pratica subiscono un trimming, una “spuntatura” col bisturi o con altro strumento tagliente. I margini della ferita per cicatrizzare ( guarire ) meglio e più velocemente devono essere puliti, sani. Viceversa, il processo di guarigione della ferita ( “sporca” ) è mediato dalla cosiddetta detersione spontanea della ferita e la guarigione avviene per “seconda intenzione”. La chiusura diretta dei margini ( sani ) e la loro cicatrizzazione rapida si definisce guarigione per “prima intenzione”] dei margini delle ferite e un nuova sutura.

L'evento più grave come evento complicativo a seguito di un intervento di mastoplastica riduttiva è costituito dalla necrosi di parte di una areola o di una areola in toto. Ciò è dovuto alla deconnessione dei supporti vascolari durante le manovre di scollamento e di rimaneggiamento dei tessuti profondi. Il rimedio dovrà affidarsi alla chirurgia plastica ricostruttiva. Ma il prezzo da pagare sarà la perdita della sensibilità dell'areola ricostruita.

Dal punto di vista dei risultati insoddisfacenti posso dire che il fenomeno più comune dopo un intervento di mastoplastica riduttiva è lo “spanciamento” dei poli inferiori sotto il peso della ghiandola residua. Le areole tendono a rimanere come “appese” troppo in alto anziché trovarsi al centro della parte più proiettata della mammella. Per fortuna questo inestetismo provocato da una mastoplastica riduttiva può essere facilmente corretto con un ritocco chirurgico.

Altri esiti ( esteticamente indesiderati ) derivanti da una mastoplastica riduttiva meno “riuscita” sono le asimmetrie residue delle mammelle o le asimmetrie di posizione delle areole e dei capezzoli. Anche questi inconvenienti possono facilmente essere risolti con dei piccoli “ritocchi”, una volta che il risultato si sarà stabilizzato.

Asimmetrie di volume ( una mammella più voluminosa di un'altra ) sono possibili anche per una trasformazione delle mammelle successiva all'intervento di mastoplastica riduttiva, a seguito del fenomeno tardivo della lipolisi ( distruzione di parte del tessuto adiposo traumatizzato dall'intervento ) maggiore da un lato rispetto all'altro.

Mastoplastica riduttiva con protesi

La mastoplastica riduttiva con aggiunta di protesi mammaria rappresenta quella che potrebbe sembrare una contraddizione in termini, da una parte si toglie e dall'altra si aggiunge, ma è in realtà una tecnica molto sofisticata che ha come finalità esclusivamente una finalità estetica.

Ovviamente nella considerazione di una mastoplastica riduttiva con protesi non ci troveremo di fronte a mammelle giganti con i relativi problemi posturali ecc, ma di fronte a mammelle grosse e cadenti che la paziente desidera sollevare e mantenere di pari volume.

In tal caso, nell'ambito di una delle tecniche di mastoplastica riduttiva, viene alleggerito il polo inferiore ( con una asportazione selettiva di tessuto ghiandolo adiposo ) e rinforzato il polo superiore con l'impianto di una protesi mammaria, così da ottenere una mammella sempre di grandi dimensioni ma soprattutto piena al polo superiore. é infatti il polo superiore che nelle mastopessi senza protesi tende a svuotarsi, mentre è proprio a quel livello che le pazienti desiderano essere “piene”.

Mastoplastica riduttiva - durata del risultato

La durata del risultato di un intervento di mastoplastica riduttiva dipende molto dalle variazioni di peso della paziente. Una paziente in sovrappeso che avesse in programma un dieta, dovrebbe iniziare la sua dieta e perdere il peso voluto prima di sottoporsi alla mastoplastica riduttiva. Ciò per non vanificare con una perdita di peso successiva alla mastoplastica riduttiva il beneficio ottenuto dall'intervento ottenuto con la sua riduzione mammaria

Se il volume delle mammelle ottenuto dopo l'intervento di mastoplastica riduttiva dovesse ( per scelta della paziente ) essere ancora notevole, la possibilità che le mammelle perdano posizioni e appeal dopo qualche anno è notevole.

Nella mia esperienza, l'aver convinto la paziente ad accettare una giusta misura come risultato di un intervento di mastoplastica riduttiva, mi ha consentito di osservare nei controlli a distanza ancora dei buoni risultati, anche dopo una decina di anni dall'intervento..


Mastoplastica riduttiva Info utili..

Foto prima dopo Costi intervento Contatta chirurgo Richiedi VISITA GRATUITA




Fine Pagina

Contenuti aggiornati da

Dr. Dauro Reale
Specialista in
chirurgia estetica e plastica
Official website

Ti è piaciuta questa Pagina sulla Mastoplastica Riduttiva?

Mi farebbe molto piacere se la condividessi:

penna e calamaio

Seno

Mastoplastica riduttiva


Anteprima galleria


Invia messaggio ultra rapido

Non hai tempo per scrivere un messaggio al dr. Reale? Inserisci solo il tuo nome ed il tuo indirizzo email e sarai ricontattato/a il prima possibile direttamente dal dr. Dauro Reale.

Freccia blu: invito a spuntare la casella Privacy Promemoria sulla privacy di questo sito. Se non lo hai ancora fatto, leggi la nostra Informativa sulla Privacy allineata secondo il nuovo regolamento europeo GPDR
Leggi informativa Privacy


Tuo messaggio: "Vorrei essere ricontattato/a quanto prima. Grazie. "


Mastoplastica Riduttiva - Informazioni utili

Foto prima dopo Costi intervento Contatta chirurgo Richiedi VISITA GRATUITA
Contatti
CONTATTA CHIRURGO

I campi nome, email, messaggio e privacy sono richiesti

Freccia blu: invito a spuntare la casella Privacy Leggi informativa Privacy
Promemoria sulla privacy di questo sito. Se non lo hai ancora fatto, leggi la nostra Informativa sulla Privacy allineata secondo il nuovo regolamento europeo GPDR.
RICHIEDI VISITA GRATUITA

I campi nome, email, telefono, intervento, messaggio e privacy sono richiesti

Freccia blu: invito a spuntare la casella Privacy Leggi informativa Privacy
Promemoria sulla privacy di questo sito. Se non lo hai ancora fatto, leggi la nostra Informativa sulla Privacy allineata secondo il nuovo regolamento europeo GPDR.