RINOPLASTICA

Foto prima dopo Costi intervento Contatta chirurgo Prenota VISITA GRATUITA

Rinoplastica

Rinoplastica intestazione pagina

Tavola dei contenuti

Introduzione

La rinoplastica è tra gli interventi chirurgici di chirurgia estetica quello più gettonato
Spesso il futuro paziente che si sottoporrà da adulto ad una rinoplastica è candidato ad esserlo sin da piccolo.
L'invidia per il nasino del proprio compagno di giochi già in tenera età, si traduce in età adolescenziale nel desiderio di rifarsi il naso e in età adulta nella richiesta esplicita di una rinoplastica.

Una rinoplastica spesso ti cambia la vita, sicuramente ti rende più sicuro di te, quando l'immagine del tuo profilo diventa più corrispondente all'immagine di te che avevi desiderato sempre di avere.

La rinoplastica comprende la chirurgia estetica del naso e la chirurgia funzionale del naso ( spesso le procedure chirurgiche sono associate ) che sono, nell'ambito della chirurgia estetica in generale, le procedure chirurgiche più richieste.

Nota Importante
ENTRA nel vivo della realtà fotografica delle trasformazioni che ti possono interessare. Potrai renderti subito conto delle possibilità che la rinoplastica ha di trasformare il tuo aspetto. Se giudichi un caso fotografico pre e post intervento tra quelli da me operati e qui rappresentati simile al tuo, potrai renderti subito conto di quale trasformazione potresti desiderare o viceversa preferiresti scartare.
ENTRA IN GALLERIA

Obbiettivi dell'intervento

La rinoplastica ( chirurgia plastica del naso ) ha lo scopo di rimodellare le strutture interne del naso fino al raggiungimento della forma ideale per ogni tipo di viso e per ogni tipo di richiesta da parte del paziente.
In molti casi il miglioramento estetico della forma del naso si coniuga con il miglioramento della funzione respiratoria che di rado costituisce l'unico scopo della chirurgia.
L'operazione è richiesta da soggetti di sesso femminile quasi con la stessa frequenza con la quale è richiesta dai coetanei di sesso maschile.
Il desiderio di poter cambiare la forma e la dimensione del proprio naso nasce già nell'età scolare e spesso viene sottaciuto fino all'età adulta. Fino a quando non sia possibile decidere in autonomia della propria vita e in particolare di sottoporsi ad una delle varie procedure chirurgiche.
In molti casi un intervento di rinoplastica costituisce il regalo tanto desiderato da parte dei soggetti afflitti da inestetismi alla piramide nasale e che i genitori comprensivi e premurosi fanno loro come premio per il superamento di un traguardo importante come la licenza superiore o la maturità.
Non è infrequente che dopo la chirurgia estetica del naso il paziente cambi le proprie abitudini, acquisti maggiore fiducia in sé, diventi più curato nel modo di vestire o di truccarsi.
Questa operazione può veramente trasformare la vita di un paziente sia donna che uomo.

Approfondimenti su questo articolo:
Rinoplastica uomo Rinoplastica donna

Tecniche - Come rifare un naso

Per comprendere come si fa la "plastica" al naso, bisogna conoscere anche approssimativamente come è costruito un naso.
Al di sotto del mantello di rivestimento ( la pelle ) di quella che viene definita la piramide nasale, appunto per la sua forma piramidale, troviamo le strutture di sostegno che sono fatte di cartilagine o di osso.
Sono di cartilagine le strutture che sostengono la punta del naso e che ne riproducono la forma ( la pelle è elastica e si adatta alle strutture rigide sottostanti, il che significa che la forma del naso è data dalla forma delle strutture sottostanti, mentre la qualità della pelle che può essere spessa o sottile, secca o particolarmente grassa è responsabile della particolare definizione della forma. Infatti nel caso di soggetti con cute spessa e grassa, le strutture di sostegno se particolarmente definite, angolate, "delicate" vengono mascherate e arrotondate dal rivestimento cutaneo particolarmente spesso e grasso ).
E' fatto di cartilagine il setto nasale anteriore che divide le due fosse nasali, mentre è osseo il setto nasale posteriore che si sviluppa in continuità col setto nasale anteriore cartilagineo.
Sono costituite da due laminette ossee le ossa proprie del naso che unitamente al setto nasale cartilagineo ed osseo sono responsabili della linea del dorso che può essere regolare o gibbosa e sono responsabili altresì della larghezza della piramide nasale.
La lunghezza del naso può essere dovuta al particolare sviluppo di una o di tutte le sue strutture.

Rinoplastica chiusa rinoplastica aperta o "open"

La correzione dei difetti di un naso si può eseguire agendo esclusivamente dall'interno delle narici ( tecniche cosiddette chiuse – rinoplastica chiusa ) oppure scoperchiando il rivestimento cutaneo della punta ( tecniche aperte o "open" – rinoplastica aperta). La rinoplastica aperta prevede la separazione di parte della columella, che è la struttura anatomica visibile esternamente e che separa le due cavità nasali, attraverso un'incisione cutanea di pochi millimetri che si continua all'interno delle cavità nasali tanto quanto basta ad ottenere il sollevamento della porzione cutanea della punta e quindi l'esposizione delle strutture sottostanti cartilaginee ( le cartilagini alari o cartilagini della punta ) che possono così agevolmente e sotto visione diretta essere modellate secondo le esigenze estetiche del particolare soggetto e secondo le specifiche richieste dello stesso.
L'intera procedura ovviamente viene eseguita sotto l'effetto anestetico di un'anestesia locale, integrata con una sedazione, praticata dallo specialista anestesista, o viene più spesso eseguita in anestesia generale.
Il rimodellamento delle cartilagini della punta può avvenire sempre sotto visione diretta, praticando l'esposizione delle stesse cartilagini in un modo alternativo che non prevede necessariamente l'incisione della columella per il completo sollevamento della cute di rivestimento. In tal caso il chirurgo deve "giocare" con alcuni strumenti per dominare il campo d'azione ed ovviare all'interposizione della columella ancorata al davanti delle strutture da rimodellare.
In altri casi il rimodellamento delle cartilagini della punta può avvenire senza che le stesse siano completamente esposte. Viene esposta semplicemente la parte di cartilagine da rimuovere.
Tutte le procedure ( sono diverse ) che non prevedono la separazione della cute della columella vengono definite tecniche " chiuse " o rinoplastica chiusa.

Rinoplastica chiusa versus rinoplastica aperta o "open"

La scelta di una o dell'altra tra le varie tecniche, sia che si tratti di rinoplastica aperta che di rinoplastica chiusa, dipende dall'esperienza del chirurgo ed anche dal tipo di risultato da raggiungere in base alle condizioni di partenza.
Questa esposizione quasi specialistica ha lo scopo di colmare molte lacune che credo abbiano la maggior parte dei pazienti che si avvicinano ai temi della rinoplastica estetica e che devono, in qualche modo, essere informati, per dare il proprio consenso all'intervento, qualora decidano di sottoporvisi.
Volendo essere più chiari e soprattutto più utili ai lettori, specialmente a quei lettori in attesa di sottoporsi all'intervento, posso dire a fronte di un'esperienza di quasi quarant'anni di esercizio professionale che, se è vero che molte tecniche possono sovrapporsi, cioè possono essere equivalenti nel raggiungere un certo tipo di obbiettivo ( risultato specifico ), certi risultati non possono essere ottenuti con tutte le tecniche di rinoplastica. Cioè in certi casi solo determinate scelte tecniche possono garantire precisi risultati.
E questa considerazione ritengo sia estremamente importante ai fini del consenso e ai fini della responsabilità medica.

Risvolti sulla vita di relazione

Un naso generalmente non piace perché la linea del dorso non è regolare ma presenta una "gobba" o semplicemente perché ha un decorso arcuato anziché rettilineo o leggermente incavato.
Un naso in altri casi viene "avvertito" come antiestetico perché presenta una punta eccessivamente globosa o cadente ( naso che "cade" o che "piscia" in bocca ) o perché è troppo voluminoso o troppo lungo. Anche le narici eccessivamente larghe ( negroidi) costituiscono una tra le tante richieste di correzione.
Un naso storto, grosso lungo e cadente sappiamo tutti che non è il massimo della bellezza e che nessuno se lo augurerebbe.
In certi casi, specie nei soggetti di sesso femminile un naso voluminoso condiziona il taglio dei capelli e il trucco. Addirittura l'obbligo ( autoimposto ) di subire l'"impegno" di grossi occhiali, anziché di optare per la libera scelta di invisibili lenti a contatto.
Un naso grosso condiziona anche qualche simpatica manifestazione di piacere della vita quotidiana come l'esibirsi liberamente all'occhio di un apparecchio fotografico: non se ne parla proprio.

Rinoplastica estetica e armonia del viso

L'impatto che il naso ha nell'ambito dell'estetica del viso dipende dall'insieme dei tratti fisiognomici: particolare importanza ha la proiezione del mento, che con la proiezione della punta del naso è responsabile dell'estetica del profilo e contribuisce a definire il cosiddetto piano di armonia facciale. Un piano che passa per i due punti più sporgenti del viso: la punta del naso e il punto più sporgente del mento, per rappresentare un profilo ideale ( provate a valutare il vostro profilo, appoggiando una matita sui due punti più sporgenti del naso e del mento ) deve rimanere distante dal labbro inferiore meno di due millimetri nella donna e meno di 4 millimetri nel maschio. Il naso naturalmente bello deve essere valutato nel contesto delle altre parti del viso, in assoluta armonia col resto dei tratti del volto: altezza facciale, prominenza degli zigomi, dimensioni del mento, caratteristica delle labbra.
Importanti sono: l'angolo nasofrontale e l'angolo nasolabiale.
Molto importante è la distanza tra la spina nasale ( al di sotto dell'angolo nasofrontale ) e il labbro superiore.

Rinoplastica e interventi associati

In taluni casi per migliorare il profilo non è sufficiente intervenire esclusivamente sul naso, ma è consigliabile agire chirurgicamente anche sul mento. In altri casi l'intervento di rinoplastica estetica, al fine di migliorare le condizioni estetiche del viso nel suo insieme, può essere associato ad altre procedure finalizzate ad esempio ad aumentare il labbro superiore o la proiezione degli zigomi.

Consenso informato

Un atto chirurgico è legittimo solo se eseguito con la volontà del paziente che vi si sottopone.
Se il paziente è di minore età è necessario il consenso di entrambi i genitori salvo che solo almeno uno di questi abbia la patria potestà.
La espressa volontà del paziente a farsi operare non è necessaria solo se il paziente non è in grado di esprimersi ( paziente in coma ad esempio ) e necessiti di un intervento con le caratteristiche di urgenza/ emergenza ( intervento salvavita).
In tutti gli altri casi e nella chirurgia estetica in particolare ove gli interventi non sono conseguenti a stati di necessità, è di fondamentale importanza il consenso del paziente perché l'atto chirurgico sia legittimo. Diversamente sarebbe delittuoso operare e verrebbe commesso il reato di violenza privata e di lesioni personali.
E' noto che il consenso all'intervento può essere espresso sia oralmente che per iscritto, nella maggior parte dei casi. In alcuni casi è obbligatoria la forma scritta. Ad esempio è necessario che il consenso ad un determinato atto chirurgico venga espresso in forma scritta quando si tratta di intervento sperimentale, quando si tratta di un intervento su un minore o anche quando si tratta di un intervento diretto all'interruzione di gravidanza. Anche il consenso all'utilizzo di emotrasfusione o di emoderivati necessita del consenso scritto.
Nei casi in cui la tipologia del rilievo del consenso ( orale o scritto ) è opzionale, cosa cambia se anziché essere rilevato in forma scritta, il consenso sia rilevato oralmente? Cambia l'onere della prova. In caso di contestazione di un risultato, sarà onere del chirurgo dimostrare di aver informato il paziente su tutte le possibilità alternative al risultato concordato ed oggetto dell'intervento contestato. La dimostrazione che un determinato esito ( peggiorativo o semplicemente difforme dal risultato sperato) era stato comunicato al paziente come possibile, non esclude la colpa del chirurgo se tale esito si dimostrasse essere insorto per malpractice, ma potrebbe addirittura configurare una responsabilità penale per il chirurgo ( qualora l'esito contestato appartenesse alla categoria delle lesioni gravi ) se il paziente opponesse che in costanza delle informazioni sottaciute non si sarebbe reso disponibile a subire l'intervento.
E' chiara quindi l'importanza della forma scritta del consenso e della completezza delle informazioni che un consenso deve avere.
Il consenso informato ad ogni atto chirurgico, nell'ambito della chirurgia estetica è riconosciuto che debba essere ancora più dettagliato ed esaustivo rispetto a qualsiasi altro tipo di consenso, datosi che la chirurgia estetica si esegue su un paziente sano e su organi sani e che quindi non riveste caratteristiche di necessità. Anche dal punto di vista assicurativo è importante che in caso di contestazioni di risultato, si possa dimostrare che la delusione del paziente non derivi da false promesse, da promesse di risultati irrealizzabili, perché in tal caso l'assicurazione sarebbe inoperante, datosi che l'assicurazione professionale copre solo i rischi di errori tecnici e non di risultati deludenti perché difformi da quanto promesso.

Responsabilità medico chirurgica

Si fa un gran parlare di responsabilità professionale nell'ambito della chirurgia estetica, in quanto il tema dibattuto è se il chirurgo estetico incorra nel cosiddetto obbligo di risultato ( risultato che potrebbe essere difforme da quanto previsto anche a fronte di esecuzione dell'intervento lege artis ) anziché nella comune ( comune a tutte le prestazioni intellettuali ) obbligazione di mezzi ( obbligo cioè di agire correttamente secondo la legge dell'arte ).
La linea che la giurisprudenza tende a seguire è che l'obbligazione di risultato configura una responsabilità oggettiva ( che esula dalla responsabilità individuale) che nel nostro ordinamento non è ammissibile. A meno che un certo tipo di risultato non sia stato assicurato imprudentemente nel consenso informato. Tuttavia è giusto considerare che se un certo preciso risultato è conseguibile solo con un certo tipo di tecnica, è palese che l'aver eseguito anche correttamente ( lege artis ) una tecnica non idonea a produrre un determinato risultato va ad identificare la tecnica col risultato e quindi l' obbligazione di mezzi con l'obbligazione di risultato.
E' molto importante quindi conoscere bene le varie possibilità tecniche prima di "SPOSARE" A SCATOLA CHIUSA un chirurgo e le sue tecniche.
Per fare un esempio, se un naso necessita di particolare restringimento di una punta particolarmente globosa, necessiterà di essere letteralmente smontato e rimontato nelle sue componenti anatomiche ( interruzione dei domi ) non essendo sufficiente il trimming delle cartilagini alari per via retrograda con accesso intercartilagineo.
Se "va da sé" che un paziente non potrà entrare nel merito di disquisizioni tecniche, è pur vero che le sue pretese, specie se particolari, dovranno essere ben espresse e sarà cura e responsabilità del chirurgo assicurare che la tecnica che utilizzerà potrà soddisfare le pretese del paziente.
Non basterà quindi descrivere l'intervento richiesto dal paziente con la semplice definizione di rinoplastica estetica o a scopo cosmetico ma occorrerà entrare specificatamente nei dettagli sia relativamente ai difetti da correggere sia relativamente alle procedure che si reputino idonee ad eliminare tali difetti.
E non sarà sufficiente che un chirurgo, se contestato per l'esito insoddisfacente del risultato, si "attacchi" esclusivamente e caparbiamente alle sue "ragioni" cioè al fatto di aver eseguito correttamente la tecnica chirurgica.
Una più approfondita riflessione su questi aspetti credo che ridurrebbe di molto la schiera di insoddisfatti dopo un intervento di rinoplastica.

Tempi operatori

La durata di un intervento di chirurgia plastica al naso, se solo di natura estetica come una rinoplastica, dura nelle mie mani approssimativamente mezz'ora relativamente allo stretto necessario per il rimodellamento estetico delle strutture del naso, door to door, poco meno di un'ora, considerando la preparazione del campo operatorio, l'infiltrazione nelle parti molli del naso con sostanze farmacologicamente attive come i vasocostrittori ( per ridurre il sanguinamento ) e gli antidolorifici ( che garantiscono per alcune ore anche dopo il risveglio ( se il paziente ha scelto l'anestesia generale ) l'assenza di dolore.

Anestesia

L'intervento di rinoplastica generalmente viene eseguito in anestesia generale. Il fatto di dover agire all'interno del naso, nonostante sia possibile lavorare in analgesia locale, magari col supporto di una sedazione, non è particolarmente agevole, data la facilità con la quale il sangue potrebbe "colare" in gola durante le manovre chirurgiche. Il posizionamento di tamponcini provvisori durante la fase chirurgica può ovviare a questo inconveniente, ma generalmente i pazienti ai quali viene sempre chiesto di scegliere tra l'opzione dell'anestesia generale o dell'anestesia locale con sedazione, preferiscono per lo più essere operati senza essere coscienti ( in anestesia generale ).

Tempi di recupero

Bisogna distinguere tra un primo periodo di recupero post rinoplastica nel quale le condizioni locali ( incerottamento del naso, presenza del tutore rigido o gessetto e persistenza dei tamponcini endonasali ) rendono difficile la presentabilità e quindi le normali abitudini quotidiane di vita di relazione. Questo periodo è limitato a 48 ore per quanto riguarda la presenza dei tamponcini endonasali e a 7-8 giorni per quanto riguarda la presenza del tutore rigido e dell'incerottamento.
Per quanto riguarda il tempo necessario per essere presentabili è sufficiente normalmente una decina di giorni dall'intervento. Mentre affinché il risultato sia stabile e cioè non subisca più cambiamenti ( dovuti ai processi di guarigione e alla remissione delle ultime tracce di gonfiore ) ci vuole qualche mese.
Questo tempo di dolce passaggio tra le condizioni estetiche del naso dal suo stato pre - intervento e le condizioni estetiche del risultato definitivo sono una delle ragioni per cui anche a fronte di un notevole cambiamento estetico, anche gli amici più stretti, se all'oscuro di quanto accaduto non se ne rendono conto a patto che l'intervento abbia dato come risultato un naso assolutamente naturale.

Rischi e rinoplastiche secondarie

I rischi di un intervento di rinoplastica, oltre ai rischi generici propri di qualsiasi intervento chirurgico sono ovviamente legati al mancato risultato.
Nell'ambito della rinoplastica estetica, gli esiti ( particolari antiestetici che rendono il risultato insoddisfacente) più frequenti sono asimmetrie della punta o della piramide nasale, la persistenza di qualche irregolarità sul dorso o qualche disturbo respiratorio che insorge dopo l'operazione per eccessiva aggressività chirurgica che abbia in qualche modo indebolito eccessivamente la struttura rigida portante del naso e abbia quindi alterato i meccanismi a valvola responsabili della adeguata resistenza delle narici a contrastare la depressione indotta nella fase inspiratoria. E' utile sapere che ad ogni errore chirurgico che abbia prodotto degli esiti estetici insoddisfacenti c'è l'adeguato rimedio nella rinoplastica secondaria. Nella maggior parte dei casi si tratta di piccoli ritocchi, che personalmente garantisco sempre a titolo gratuito anche nei casi nei quali il difetto residuo sia sopraggiunto a seguito dei processi di guarigione e non per errori di esecuzione. Mi piace avere pazienti soddisfatti e riconoscenti in ogni caso. La dimostrazione della corretta esecuzione di un intervento di rinoplastica estetica la ottengo a fine intervento con delle documentazioni fotografiche in varie proiezioni sul paziente ancora in anestesia sul lettino operatorio.

Ricovero di un giorno

La maggior parte degli interventi di chirurgia estetica con le poche eccezioni dell'addominoplastica completa, delle mastoplastiche riduttive, di particolari dimensioni e delle liposuzioni di notevole entità, non necessitano della permanenza in clinica per la notte, a meno che tali interventi non siano terminati in serata. Un paziente che si sia sottoposto a un intervento di rinoplastica o di rinosettoplastica al mattino o nel primo pomeriggio, può generalmente essere dimesso nel secondo pomeriggio per tornare in ambulatorio un paio di giorni dopo per la rimozione dei tamponcini endonasali.

Rischi assicurativi

Sembrerebbe un suggerimento scontato quello di accertarsi che la struttura di riferimento o il chirurgo prescelto siano assicurati per ogni evento imprevisto. Ci sono tuttavia alcuni aspetti assicurativi dei quali non solo la maggior parte degli utenti sono all'oscuro, ma anche molti chirurghi plastici che esercitano la chirurgia estetica. Non tutti infatti sono consapevoli che esistono due tipi di formule assicurative: claim made e postuma, che può a sua volta essere a tempo determinato ( 2- 5 anni ) o illimitata. Cosa significa?
Significa che la società assicurativa ( spesso senza che il chirurgo assicurato se ne sia reso conto ) con la formula claim made esclude la propria responsabilità dopo che il rapporto assicurativo sia cessato, anche per quei "sinistri" accaduti durante il periodo di copertura assicurativa. In pratica se un paziente ( Tizio ) sottopostosi ad intervento di rinoplastica, ad esempio, nel 2005 e regolarmente coperto relativamente ai rischi di malpractice del chirurgo prescelto, volesse contestare il risultato un paio d'anni dopo e nel frattempo la società assicuratrice avesse disdettato il rapporto contrattuale con quel chirurgo per qualsiasi motivo ( in genere la disdetta avviene da parte della compagnia assicuratrice la quale invia la disdetta del contratto al chirurgo subito dopo la denuncia da parte di questi di un sinistro, ma potrebbe accadere che il chirurgo andasse in pensione e disdicesse lui stesso il contratto assicurativo oppure che detto contratto volgesse al termine previsto e che il chirurgo preferisse stabilire un nuovo contratto per RC professionale con altra Compagnia assicuratrice ecc ), accadrebbe che il chirurgo che all'epoca dell'intervento su Tizio era coperto, diverrebbe scoperto assicurativamente due anni dopo, al momento del ricevimento della Raccomandata da parte del paziente insoddisfatto e battagliero, con evidenti problematiche conseguenti nell'iter risarcitorio.
Con la formula cosiddetta "postuma illimitata" questo non può accadere. Il paziente che scegliesse un chirurgo assicurato con postuma illimitata può essere tranquillo di essere assicurativamente garantito per sempre, anche, ad esempio, nel caso il cui il suo chirurgo fosse andato in pensione ed avesse cessato qualsiasi rapporto assicurativo.

Informazioni utili..

Foto prima dopo Costi intervento Contatta chirurgo Richiedi VISITA GRATUITA



Fine Pagina

Dr. Dauro Reale
Specialista in
chirurgia estetica e plastica

Ultima revisione di Dr. Dauro Reale 15 Settembre 2018



Ti è piaciuta questa Pagina sulla Rinoplastica?

Mi farebbe molto piacere se la condividessi:
Twitter Googleplus Linkedin

penna e calamaio

Menu


Anteprima galleria


Invia messaggio ultra rapido

Non hai tempo per scrivere un messaggio al dr. Reale? Inserisci solo il tuo nome ed il tuo indirizzo email e sarai ricontattato/a il prima possibile direttamente dal dr. Dauro Reale.

Freccia blu: invito a spuntare la casella Privacy Promemoria sulla privacy di questo sito. Se non lo hai ancora fatto, leggi la nostra Informativa sulla Privacy allineata secondo il nuovo regolamento europeo GPDR
Leggi informativa Privacy


Tuo messaggio: "Vorrei essere ricontattato/a quanto prima. Grazie. "

Rinoplastica - Informazioni utili

Foto prima dopo Costi intervento Contatta chirurgo
Contatti
CONTATTA CHIRURGO

I campi nome, email, messaggio e privacy sono richiesti

Freccia blu: invito a spuntare la casella Privacy Leggi informativa Privacy
Promemoria sulla privacy di questo sito. Se non lo hai ancora fatto, leggi la nostra Informativa sulla Privacy allineata secondo il nuovo regolamento europeo GPDR.
RICHIEDI VISITA GRATUITA

I campi nome, email, telefono, intervento, messaggio e privacy sono richiesti

Freccia blu: invito a spuntare la casella Privacy Leggi informativa Privacy
Promemoria sulla privacy di questo sito. Se non lo hai ancora fatto, leggi la nostra Informativa sulla Privacy allineata secondo il nuovo regolamento europeo GPDR.